Operazione Colomba in Palestina - 2023

I volontari di Operazione Colomba, corpo nonviolento di pace della Comunità Papa Giovanni XXIII, sono presenti nel villaggio palestinese di At-Tuwani dal 2004. La loro presenza è necessaria perché proteggono i bambini nel percorso verso la scuola e tutelano l’incolumità degli abitanti palestinesi della zona, oltre che denunciare le violazioni dei Diritti Umani che troppo spesso accadono in quei luoghi. Sostieni i nostri volontari per garantire ai bambini e alle famiglie di quel luogo sicurezza e protezione.

Operazione Colomba in Palestina - 2023

I volontari di Operazione Colomba, corpo nonviolento di pace della Comunità Papa Giovanni XXIII, sono presenti nel villaggio palestinese di At-Tuwani dal 2004. La loro presenza è necessaria perché proteggono i bambini nel percorso verso la scuola e tutelano l’incolumità degli abitanti palestinesi della zona, oltre che denunciare le violazioni dei Diritti Umani che troppo spesso accadono in quei luoghi. Sostieni i nostri volontari per garantire ai bambini e alle famiglie di quel luogo sicurezza e protezione.

I volontari e le volontarie di Operazione Colomba sono presenti in Palestina dal 2002, prima nella Striscia di Gaza, ad Al Qarara (Khan Younis), poi dal 2004 in Cisgiordania, nel villaggio di At-Tuwani (colline a sud di Hebron).
Il legame con le persone conosciute a Gaza non si è comunque mai interrotto. Periodicamente, una delegazione di Operazione Colomba si reca in visita nella Striscia per monitorare la situazione e mantenere vive le relazioni.

Ad At-Tuwani, in Area C (sotto controllo civile e militare israeliano), la vita dei palestinesi si scontra con continue ingiustizie: demolizioni, arresti ingiustificati, raid militari e attacchi da parte di coloni e soldati segnano la quotidianità delle famiglie dell’area e di tutta la Palestina.
La presenza dei volontari è molto importante: monitorano giornalmente la scorta militare israeliana che accompagna i bambini palestinesi dei villaggi di Tuba e Maghayir al Abeed fino alla scuola di At-Tuwani; accompagnano contadini e pastori sui propri terreni a ridosso di colonie e avamposti; monitorano e denunciano i continui checkpoint, arresti, training militari e demolizioni che avvengono nell’area. Le denunce delle violazioni dei Diritti Umani sono possibili grazie a una continua documentazione (foto e video).
Negli ultimi anni la creazione di gruppi di giovani attivisti palestinesi coinvolti nelle stesse attività di monitoraggio, denuncia e accompagnamento (anche insieme ad attivisti israeliani), ha permesso ai volontari di Operazione Colomba di portare il proprio sostegno e la propria azione nonviolenta anche in altre aree della Palestina.

Il 4 maggio 2022 la Corte Suprema israeliana ha sancito, dopo più di 20 anni di contenzioso, l’espulsione della popolazione di 8 villaggi palestinesi dell’area Masafer Yatta (sempre colline a sud di Hebron) all’interno della cosiddetta “Firing Zone 918”. Pertanto, in qualsiasi momento l’esercito israeliano può eseguire la sentenza e demolire questi villaggi, lasciando senza casa più di 1200 persone.
Anche per questo la presenza dei volontari di Operazione Colomba è sempre più importante: per tutelare l’incolumità degli abitanti palestinesi della zona, che vogliono solo vivere sulla propria terra.

You're doing the best you can, that's the real solidarity!
(State facendo del vostro meglio, questa è la vera solidarietà!)
- Ali, giovane palestinese

42.954 €

100%
40.000 €
373 Donazioni
7 Raccolte fondi
Condividi
I volontari e le volontarie di Operazione Colomba sono presenti in Palestina dal 2002, prima nella Striscia di Gaza, ad Al Qarara (Khan Younis), poi dal 2004 in Cisgiordania, nel villaggio di At-Tuwani (colline a sud di Hebron).
Il legame con le persone conosciute a Gaza non si è comunque mai interrotto. Periodicamente, una delegazione di Operazione Colomba si reca in visita nella Striscia per monitorare la situazione e mantenere vive le relazioni.

Ad At-Tuwani, in Area C (sotto controllo civile e militare israeliano), la vita dei palestinesi si scontra con continue ingiustizie: demolizioni, arresti ingiustificati, raid militari e attacchi da parte di coloni e soldati segnano la quotidianità delle famiglie dell’area e di tutta la Palestina.
La presenza dei volontari è molto importante: monitorano giornalmente la scorta militare israeliana che accompagna i bambini palestinesi dei villaggi di Tuba e Maghayir al Abeed fino alla scuola di At-Tuwani; accompagnano contadini e pastori sui propri terreni a ridosso di colonie e avamposti; monitorano e denunciano i continui checkpoint, arresti, training militari e demolizioni che avvengono nell’area. Le denunce delle violazioni dei Diritti Umani sono possibili grazie a una continua documentazione (foto e video).
Negli ultimi anni la creazione di gruppi di giovani attivisti palestinesi coinvolti nelle stesse attività di monitoraggio, denuncia e accompagnamento (anche insieme ad attivisti israeliani), ha permesso ai volontari di Operazione Colomba di portare il proprio sostegno e la propria azione nonviolenta anche in altre aree della Palestina.

Il 4 maggio 2022 la Corte Suprema israeliana ha sancito, dopo più di 20 anni di contenzioso, l’espulsione della popolazione di 8 villaggi palestinesi dell’area Masafer Yatta (sempre colline a sud di Hebron) all’interno della cosiddetta “Firing Zone 918”. Pertanto, in qualsiasi momento l’esercito israeliano può eseguire la sentenza e demolire questi villaggi, lasciando senza casa più di 1200 persone.
Anche per questo la presenza dei volontari di Operazione Colomba è sempre più importante: per tutelare l’incolumità degli abitanti palestinesi della zona, che vogliono solo vivere sulla propria terra.

You're doing the best you can, that's the real solidarity!
(State facendo del vostro meglio, questa è la vera solidarietà!)
- Ali, giovane palestinese
Condividi

Raccolte fondi che sostengono il progetto

STARE

Raccolta fondi di Seba

555 €

56%
1.000 €
13 Donazioni

Notizie dai fundraiser

APG23

Dai Ci Stai? È la piattaforma nata per creare raccolte fondi online a sostegno della Comunità Papa Giovanni XXIII, che da più di 50 anni è al fianco di chi ha bisogno.

Hai bisogno di aiuto?

Clicca qui e leggi le istruzioni per creare la tua raccolta fondi
Oppure scrivi a sostenitori@apg23.org o chiama il numero 0543.404693 dal lunedì al venerdì (orari ufficio).

Seguici anche su