Emergenza acqua potabile in Ucraina

Nella città bombardata di Mykolaiv sono rimaste le persone più povere e fragili. Ripetuti attacchi missilistici hanno distrutto gli impianti idrici e la città non ha più acqua potabile. STOPTHEWARNOW vuole rispondere alla richiesta di aiuto di queste persone che ha incontrato e conosciuto, realizzando 10 impianti dissalatori che serviranno a rendere l’acqua di nuovo accessibile e potabile. Aiutaci e sostieni anche tu questo progetto.

Emergenza acqua potabile in Ucraina

Nella città bombardata di Mykolaiv sono rimaste le persone più povere e fragili. Ripetuti attacchi missilistici hanno distrutto gli impianti idrici e la città non ha più acqua potabile. STOPTHEWARNOW vuole rispondere alla richiesta di aiuto di queste persone che ha incontrato e conosciuto, realizzando 10 impianti dissalatori che serviranno a rendere l’acqua di nuovo accessibile e potabile. Aiutaci e sostieni anche tu questo progetto.

La città di Mykolaiv, conosciuta come “la città dei costruttori di navi”, è un importante porto ucraino situato tra Odessa e Cherson, a poche decine di km dal fronte dei combattimenti. Per la sua posizione strategica, è stata uno dei primissimi obiettivi dell’invasione di febbraio e, da allora, è stata esposta a bombardamenti pesantissimi, subendo moltissime perdite tra i civili.

Prima dell’inizio della guerra la popolazione era di circa 500.000 persone. Oggi, più della metà di loro è scappata per cercare luoghi più sicuri. In città sono rimaste le persone più povere e le più fragili, quelle che non sono riuscite a fuggire.

Nella situazione già drammatica dei bombardamenti, la condizione di chi ancora vive a Mykolayiv sta peggiorando ancora: da mesi non c’è acqua potabile. Non possiamo voltare le spalle a chi sta vivendo in una città sotto assedio. 

I missili lanciati nei mesi scorsi hanno distrutto sia l’impianto di desalinizzazione che l’impianto di depurazione della città. Da allora, gli abitanti dipendono esclusivamente dai rifornimenti provenienti dall’esterno, ma più l’inverno avanza e più questa strada diventerà impraticabile. 

In questi mesi tante sono state le richieste di aiuto arrivate e STOPTHEWARNOW ha portato una delle sue carovane proprio a Mykolayiv. Abbiamo conosciuto gli abitanti per questo vogliamo impegnarci per loro finanziando 10 impianti dissalatori che serviranno a separare il sale dall'acqua del mare, rendendola completamente priva di sali minerali e quindi potabile, aiutandoli così a superare l’inverno. 

Per un impianto di desalinizzazione servono 25.000 euro. 

La rete di STOPTHEWARNOW ha già realizzato cose impensabili, portato aiuti, tratto in salvo persone e garantito la presenza in Ucraina dall’inizio del conflitto perché non vogliamo lasciare da solo chi soffre. Oggi il vostro aiuto è indispensabile per aiutare la popolazione di Mykolaiv assicurandole il diritto – inalienabile – di poter avere l’accesso a fonti di acqua potabile in maniera gratuita, sicura e continuativa.

Per la città sono necessari 10 dissalatori: aiutaci adesso a finanziare il primo impianto da 25.000 euro: dona ora o crea la tua raccolta fondi personale da condividere con i tuoi amici. Insieme, donazione dopo donazione, potremo riuscire a finanziare l'intero progetto. Grazie!
0%
25.000 €

SOSTIENI IL PROGETTO:

crea la tua raccolta fondi o dona per una già attiva

SOSTIENI IL PROGETTO:

crea la tua raccolta fondi
o dona per una già attiva

Condividi
La città di Mykolaiv, conosciuta come “la città dei costruttori di navi”, è un importante porto ucraino situato tra Odessa e Cherson, a poche decine di km dal fronte dei combattimenti. Per la sua posizione strategica, è stata uno dei primissimi obiettivi dell’invasione di febbraio e, da allora, è stata esposta a bombardamenti pesantissimi, subendo moltissime perdite tra i civili.

Prima dell’inizio della guerra la popolazione era di circa 500.000 persone. Oggi, più della metà di loro è scappata per cercare luoghi più sicuri. In città sono rimaste le persone più povere e le più fragili, quelle che non sono riuscite a fuggire.

Nella situazione già drammatica dei bombardamenti, la condizione di chi ancora vive a Mykolayiv sta peggiorando ancora: da mesi non c’è acqua potabile. Non possiamo voltare le spalle a chi sta vivendo in una città sotto assedio. 

I missili lanciati nei mesi scorsi hanno distrutto sia l’impianto di desalinizzazione che l’impianto di depurazione della città. Da allora, gli abitanti dipendono esclusivamente dai rifornimenti provenienti dall’esterno, ma più l’inverno avanza e più questa strada diventerà impraticabile. 

In questi mesi tante sono state le richieste di aiuto arrivate e STOPTHEWARNOW ha portato una delle sue carovane proprio a Mykolayiv. Abbiamo conosciuto gli abitanti per questo vogliamo impegnarci per loro finanziando 10 impianti dissalatori che serviranno a separare il sale dall'acqua del mare, rendendola completamente priva di sali minerali e quindi potabile, aiutandoli così a superare l’inverno. 

Per un impianto di desalinizzazione servono 25.000 euro. 

La rete di STOPTHEWARNOW ha già realizzato cose impensabili, portato aiuti, tratto in salvo persone e garantito la presenza in Ucraina dall’inizio del conflitto perché non vogliamo lasciare da solo chi soffre. Oggi il vostro aiuto è indispensabile per aiutare la popolazione di Mykolaiv assicurandole il diritto – inalienabile – di poter avere l’accesso a fonti di acqua potabile in maniera gratuita, sicura e continuativa.

Per la città sono necessari 10 dissalatori: aiutaci adesso a finanziare il primo impianto da 25.000 euro: dona ora o crea la tua raccolta fondi personale da condividere con i tuoi amici. Insieme, donazione dopo donazione, potremo riuscire a finanziare l'intero progetto. Grazie!
Condividi

Raccolte fondi che sostengono il progetto

APG23

Dai Ci Stai? È la piattaforma nata per creare raccolte fondi online a sostegno della Comunità Papa Giovanni XXIII, che da più di 50 anni è al fianco di chi ha bisogno.

Hai bisogno di aiuto?

Scrivi a sostenitori@apg23.org oppure chiama il numero 0543.404693 dal lunedì al venerdì (orari ufficio).

Seguici anche su