Un luogo d'incontro oltre il campo

Nel campo profughi di Lesbo, in Grecia, come volontari della Comunità Papa Giovanni XXIII non abbiamo il permesso di entrare, perché appartenenti ad un’associazione religiosa, così è stato deciso dalle autorità. Ma questo non ci ha fermato nel voler condividere la vita con queste persone che, scappate da guerre e miseria, anche qui sono state private della loro dignità e del loro futuro. I nostri volontari incontrano ogni giorno famiglie, uomini, donne e bambini: da noi respirano un’aria diversa, dimenticando anche solo per qualche ora le atrocità quotidiane. Hanno la possibilità di riassaporare gesti semplici come un pranzo attorno ad un tavolo, lontano dalla spazzatura e dall’aria asfissiante che circonda le tende in cui vivono e di poter costruire delle relazioni con i ragazzi che hanno scelto di essere lì con loro e per loro. La struttura adiacente il campo è il luogo dove possono tornare ad ascoltare la speranza.Aiutaci a sostenere la presenza a Lesbo. La casa, luogo di incontro e di aiuto, è anche l’alloggio dei i volontari che vivono 24h su 24 a Lesbo e che, grazie al tuo contributo, potranno anche noleggiare un’auto e garantire soccorso e sostegno ai profughi.Dona ora. Il tuo aiuto ci permetterà di raggiungere chi ci chiede aiuto e di custodire la casa che ogni giorno apre la sua porta a chi, sfuggito alla repressione, al regime, alla guerra ne porta ancora addosso i segni e ci chiede di non lasciarlo solo. Grazie.

Un luogo d'incontro oltre il campo

Nel campo profughi di Lesbo, in Grecia, come volontari della Comunità Papa Giovanni XXIII non abbiamo il permesso di entrare, perché appartenenti ad un’associazione religiosa, così è stato deciso dalle autorità. Ma questo non ci ha fermato nel voler condividere la vita con queste persone che, scappate da guerre e miseria, anche qui sono state private della loro dignità e del loro futuro. I nostri volontari incontrano ogni giorno famiglie, uomini, donne e bambini: da noi respirano un’aria diversa, dimenticando anche solo per qualche ora le atrocità quotidiane. Hanno la possibilità di riassaporare gesti semplici come un pranzo attorno ad un tavolo, lontano dalla spazzatura e dall’aria asfissiante che circonda le tende in cui vivono e di poter costruire delle relazioni con i ragazzi che hanno scelto di essere lì con loro e per loro. 

La struttura adiacente il campo è il luogo dove possono tornare ad ascoltare la speranza.


Aiutaci a sostenere la presenza a Lesbo. La casa, luogo di incontro e di aiuto, è anche l’alloggio dei i volontari che vivono 24h su 24 a Lesbo e che, grazie al tuo contributo, potranno anche noleggiare un’auto e garantire soccorso e sostegno ai profughi.

Dona ora. Il tuo aiuto ci permetterà di raggiungere chi ci chiede aiuto e di custodire la casa che ogni giorno apre la sua porta a chi, sfuggito alla repressione, al regime, alla guerra ne porta ancora addosso i segni e ci chiede di non lasciarlo solo. Grazie.



8.397 €

54%
15.600 €
3 Donazioni
La raccolta fondi sostiene: Ho un Fratello a Lesbo che mi aspetta

Migliaia di uomini, donne e bambini scappati da guerre e miseria, arrivano al campo profughi di Lesbo, in Grecia, con la speranza di un nuovo inizio ma qui scoprono solo altra sofferenza. La Comunità Papa Giovanni XXIII ha scelto di essere a Lesbo per condividere il dramma di questa umanità, per dare voce a queste persone inascoltate. La presenza dei volontari della Comunità e di Operazione Colomba (corpo nonviolento di pace della Comunità) e l’accoglienza nella casa famiglia di Atene è indispensabile: aiutaci ad essere presenti a fianco di uomini, donne e bambini che soffrono in un silenzio disperato. Loro hanno bisogno di noi, ora.

DONA

DONA

APG23

Dai Ci Stai? È la piattaforma nata per creare raccolte fondi online a sostegno della Comunità Papa Giovanni XXIII, che da più di 50 anni è al fianco di chi ha bisogno.

Hai bisogno di aiuto?

Scrivi a sostenitori@apg23.org oppure chiama il numero 0543.404693 dal lunedì al venerdì (orari ufficio).

Seguici anche su